Newsletter Reti Solidali

Resta aggiornato, iscriviti alla nostra newsletter
Indirizzo Mail
logo reti solidali
Home » BULLISMO E CYBERBULLISMO: IL SILENZIO NON AIUTA
bulli e cyberbulli

BULLISMO E CYBERBULLISMO: IL SILENZIO NON AIUTA

BULLISMO E CYBERBULLISMO: IL SILENZIO NON AIUTA

Un manuale realizzato da Aied Roma aiuta genitori, insegnanti e studenti a conoscere e prevenire bullismo e cyberbullismo

Più della metà dei ragazzi tra gli 11 e i 17 anni ha subito qualche episodio di offesa o aperta violenza da parte di bulli e cyberbulli , quasi il 20% è stato vittima di episodi di bullismo in modo assiduo, più volte in un mese. Oltre il 9% ha dovuto farci i conti tutte le settimane. Gli 11-tredicenni i più colpiti rispetto ai 14-diciassettenni, le femmine rispetto ai maschi. Sono questi solo alcuni dei dati emersi dall’ultima indagine Istat, aggiornati al 2014, che poco si discostano dal Rapporto Censis 2016, secondo cui quasi il 53% degli studenti tra gli 11 e i 17 anni si è trovato in una situazione analoga. Una percentuale che il Censis registra addirittura al 55,6% per le femmine. Dati, numeri di un fenomeno molto complesso, che tocca i ragazzi coinvolti, certo, ma anche i loro contesti di riferimento e crescita e invoca la presa di coscienza e l’attivazione dell’intera comunità.

Un fenomeno, ancora, determinato da fattori diversi e interconnessi – i modelli culturali, il contesto sociale, l’educazione familiare e l’istruzione scolastica – che internet e social media hanno contribuito a far uscire dalla sfera privata: secondo recenti dati dell’Osservatorio nazionale adolescenza, infatti, tra gli 11-trecicenni un ragazzo su 10 subisce cyberbullismo. Il 70% delle vittime sono femmine, a fronte di oltre il 60% dei cyberbulli che sono maschi. In questi casi l’atto di bullismo non resta chiuso in una sfera di rapporto uno a uno tra vittima e bullo o, comunque, tra vittima, bullo e comunità ristretta, ma si apre alla condivisione potenzialmente indefinita e non richiede neanche il “metterci la faccia” al cyberbullo, che spesso resta anonimo.

 

 

LA GUIDA DI AIED. Che si tratti, tuttavia, di bullismo tradizionale o di cyberbullismo – sul quale nel 2017 la Camera ha approvato una legge che punta molto sul coinvolgimento della scuola – la domanda è la stessa: come fa un genitore  – o un insegnante – a capire se quello che ha davanti è un ragazzo bullizzato? Quali sono i segnali e come saperli leggere? E soprattutto, come affrontarli?  Bulli e cyberbulli ora basta! – il volume realizzato da Aied ( Associazione italiana per l’Educazione demografica) a cura di Maurizio Costantini e Antonella Gianandrea (Epc Editore, 2017) – intende offrire una risposta a queste domande, partendo da due assunti di base.

Il primo richiama un po’ alla mente il vecchio – e quanto mai attuale – proverbio africano per cui per crescere un bambino ci vuole un intero villaggio: il volume si presenta come una guida di informazione e prevenzione rivolta agli studenti, alla famiglia, alla scuola. Coinvolge, quindi, e affida una responsabilità condivisa all’intera «comunità educante».
Il secondo riguarda l’ottica con cui si affronta il problema, di analisi, sostegno e supporto, mai sanzionatoria.

Bulli e cyberbulli ora basta! affronta e approfondisce gli aspetti psicologici e sociali del bullismo – i modi di espressione, il rapporto tra bullo e vittima, stili educativi e modelli familiari, gli interventi di prevenzione –, la normativa di riferimento con gli aspetti definitori e gli strumenti di tutela, l’uso responsabile e consapevole della rete e la cittadinanza digitale, fino al ruolo dello sport, «naturalmente inclusivo, mezzo privilegiato per superare le barriere», come lo definisce nel libro Riccardo Viola, presidente Coni Lazio. E non ultimo i modelli di intervento, efficaci solo se costruiti su un’alleanza tra famiglia e scuola, le due principali agenzie educative: tra genitori consapevoli che creano le condizioni per un dialogo aperto e sereno con i figli e insegnanti – osservatori diretti in classe – che sanno stimolare il lavoro di squadra e, nel caso, punire gli atteggiamenti di prepotenza.

 

bulli e cyberbulli

Maurizio Costantini e Antonella Gianandrea (a cura di) 
Bulli e cyberbulli ora basta!
Informare e prevenire. Una guida per genitori, insegnanti e studenti

EPC Editore, 2017
Pp. 200, € 12,00
ISBN: 978-88-6310-833-0

Disponibile anche in versione e-book

 

 

Se avete correzioni o suggerimenti da proporci, scrivete a comunicazione@cesv.org.

Print Friendly, PDF & Email
Chiara Castri
Chiara Castri

Giornalista pubblicista, lavora nell’area comunicazione e promozione del Cesv. Da sempre divisa tra "Pulp fiction" e "Cenerentola", ama l'imperfezione. Il suo impegno è educare i suoi bimbi all'amore per la vita e per le pagine di un buon libro

Newsletter Reti Solidali

Resta aggiornato, iscriviti alla nostra newsletter
Indirizzo Mail
Secure and Spam free...