Newsletter Reti Solidali

Resta aggiornato, iscriviti alla nostra newsletter
Indirizzo Mail
logo reti solidali
Home » La miseria è opera degli uomini. Solo gli uomini possono distruggerla
povertà

La miseria è opera degli uomini. Solo gli uomini possono distruggerla

La miseria è opera degli uomini. Solo gli uomini possono distruggerla

Un libro ripropone il pensiero di Padre Joseph Wresinski, fondatore del Movimento Atd Quarto Mondo

È difficile aiutare i poveri, soprattutto quelli davvero molto poveri: tante persone che ci provano vedono i loro sforzi fallire. Eppure, «la miseria è opera degli uomini. Solo gli uomini possono distruggerla».
Ne era assolutamente convinto Padre Joseph Wresinski che, nato in Francia nel 1917 da una famiglia poverissima di immigrati e diventato sacerdote nonostante la miseria, dedicò tutta la sua vita alla lotta contro la povertà, vivendo nelle bidonville francesi degli anni cinquanta e sessanta, fondando il Movimento Atd Quarto Mondo, diventato ben presto internazionale. Recentemente è uscito il libro “Rifiutare la miseria. Un pensiero politico nato dall’azione”. Raccoglie alcuni suoi interventi fra il 1965 e gli anni ottanta, che ne ricostruiscono il pensiero e lo collocano tra i classici del novecento per quanto riguarda il tema, appunto, della povertà.

libro WrezinskiPadre Wresinski ha insegnato che aiutare i poveri – i più poveri, quelli che allora definì “quarto mondo” –  è difficile perché la povertà non è mai solo mancanza di mezzi materiali: è soprattutto mancanza di flussi,  di quello che oggi chiameremmo capitale sociale (istruzione, formazione, fiducia nei propri mezzi e relazioni). «I poveri sono quello che sono e rimangono tali perché un certo grado di privazione dei beni materiali si accompagna non soltanto a comportamenti particolari, ma anche a una comunicazione difettosa con il mondo circostante. Quest’ultimo gli rifiuta le condizioni necessarie per capire e per farsi capire e, a partire da un certo grado di povertà, l’uomo è uno straniero nello stato di benessere. Non incontrando più gli altri, non è in condizione di mettere a frutto quel poco di beni che gli si offrono».

Insomma, il povero è tale perché è escluso, e l’esclusione gli impedisce di uscire dalla condizione di povertà.

Il quarto mondo è capace di liberarsi

Come si rompe il cerchio? Per prima cosa è necessario conoscere adeguatamente non solo il fenomeno, ma i poveri, le loro storie, le loro vite. La prima parte del libro è dedicata a questo: Padre Wresinski insegna che la conoscenza ha tre dimensioni: quella della ricerca, quella dei poveri stessi, quella di chi agisce per combattere le povertà. E quindi invita le Università a fare ricerca in modo nuovo, tenendo conto delle altre dimensioni della conoscenza, e auspica la collaborazione tra «ricercatori, popolazioni depauperate ed équipe di azione».
Solo a partire da una conoscenza così profonda e articolata, infatti, è possibile individuare percorsi di uscita dalla povertà.  percorsi che passano necessariamente dal ridare la parola ai poveri, per rompere il cerchio dell’assistenzialismo. Infatti «proprio questa è la grande tragedia delle famiglie del quarto mondo: la condizione di dipendenza, di indigenza e di ignoranza pone, in tutti i nostri paesi, la popolazione del quarto mondo in situazione di dipendenza dal welfare, dal soccorso di urgenza, dalla carità pubblica e privata». Le politiche assistenzialistiche hanno effetti mortificanti e talvolta diventano vera violenza.
Ridando ai più poveri dignità e responsabilità, li si metterà in condizione di indicare soluzioni efficaci ai problemi e la lotta alla povertà verrà ricollocata nell’ambito della cultura dei diritti umani: la casa, l’istruzione, il lavoro, la salute, il cibo sano sono diritti. Riconoscerlo, significa trasformare i più poveri da oggetti a soggetti di decisione politiche. Oggi diremmo che bisogna riconoscere loro piena cittadinanza e il diritto alla partecipazione.

Perché, secondo Wresinski «il quarto mondo è capace di liberarsi». La questione è «sapere se noi siamo capaci di restituirgli i Diritti dell’Uomo».

_______________________________________________

Joseph Wresinski

Rifiutare la miseria. Un pensiero politico nato dall’azione

ed. Jaka Book ed Edizioni Quarto Mondo 2014

pp. 240, € 18,00

 

Print Friendly, PDF & Email
Paola Springhetti

Giornalista. Coordina l’area comunicazione e promozione del Cesv.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *