logo reti solidali
Home » ALL’IMPROVVISO
poesia per Amatrice

ALL’IMPROVVISO

ALL’IMPROVVISO

«Annavano in montagna pe scappà dar gran casino/ senza avé telefonato a quer bastardo der Destino...». Poesia per Amatrice, di un Anonimo Romano

Annavano in montagna pe scappà dar gran casino
senza avé telefonato a quer bastardo der Destino
che s’è fermato appena sotto la superficie
de quer paese che chiamaveno Amatrice.
Lì se magnava bene e de gran gusto
e ogni posto pe magnà era er posto giusto.
Se viveva come nell’antichi tempi,
co li grossi belli sazi e li regazzini che corevano contenti.
All’improvviso, mentre Morfeo li accarezzava,
er buio de la morte sospirava,
portannose via quell’Anime innocenti
dal seno de la madre, dall’amore dei parenti.
Nun hanno manco potuto combatte da dentro al letto
perché all’improvviso è diventato tutto buio,
er tetto e tutto quello che ce stava in mezzo, je impedisce de strillà
perchè spigne sopra ar petto e nun li fa respirà.
All’improvviso se svejeno e nun sentono più dolore
ma un senso de riposo, un’onda de calore.
Se sentono rinati, lontani dall’inferno,
e vedeno de sta vicino ar Padre Eterno.
Je chiedeno “Signore perché c’hai richiamato,
in fondo er nome tuo avemo sempre rispettato”,
er Padre Eterno allora ha acceso na luce e fatto ‘n gran soriso,
j’ha detto a tutti quanti “questo è er Paradiso,
nun dovete più stancavve, nun dovete tribbolà,
avete guadagnato l’eterna libertà”.
All’improvviso se sente chiamà e quarcuno se arisveja
e comincia a respirà capendo che la morte nun ha preso er sopravvento,
e che nun è er momento de annà dar Padre Eterno.
E’ stato un brutto sogno e ne stamo a uscì
e mo trovamo er nerbo pe potè ricostruì,
non solo le casette, la chiesa e le villette
ma la Dignità de giovani e vecchiette
…che certo torneranno in men che non si dice
a vive in quer Paese che se chiama ancora AMATRICE!!!

(anonimo romano)

Dedichiamo questa poesia a tutti quelli che hanno avuto paura, a tutti gli abitanti di Amatrice e a tutti coloro che stanno aiutando la città a ricominciare.

Print Friendly, PDF & Email
Redazione
Avatar

La redazione di Reti Solidali

Un commento su “ALL’IMPROVVISO

  1. Io ringrazio inmesamente chi a scritto questa poesia. Perché lo vissuto ero li lavoravo al albergo ristorante il castagneto .lavoravo e dormivo li avevo 25 clienti per fortuna tutti salvi poi sono andato al centro……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *