Newsletter Reti Solidali

Resta aggiornato, iscriviti alla nostra newsletter
Indirizzo Mail
logo reti solidali
Home » PERCHÈ SIAMO QUI? IL NOSTRO VIAGGIO ATTRAVERSO IL MEDITERRANEO
Danze africane

PERCHÈ SIAMO QUI? IL NOSTRO VIAGGIO ATTRAVERSO IL MEDITERRANEO

PERCHÈ SIAMO QUI? IL NOSTRO VIAGGIO ATTRAVERSO IL MEDITERRANEO

Il video della storia di 3 giovani ragazzi africani, e del loro viaggio per mare alla volta dell’Italia per fuggire alla prigionia e ai mercanti di schiavi.

«Mi chiamo Guea Serge. Ho 19 anni e vengo dalla Costa D’Avorio».

«Il mio nome è Diomande Amara. Vengo dalla Costa D’Avorio. Ho 20 anni».

«Mi chiamo Kuate Mundefo Rodriguez. Sono originario del Cameroon. Ho 30 anni».

La storia di Guea, Diomande e Kuate è simile a quella delle decine di migliaia di migranti che negli ultimi anni sono giunti in Italia da Nigeria, Niger, Algeria, Libia, attraversando il mar Mediterraneo per arrivare nella terra promessa, l’Europa.

Una storia che merita di essere raccontata, per denunciare una realtà di sofferenze, morti in mare, ragazzi che vengono imprigionati per anni, o diventano schiavi, perché colpevoli di aver abbandonato la propria casa in cerca di un luogo migliore in cui vivere.

Per questo motivo i ragazzi della V B dell’Istituto “Fermi Filangieri” sezione “B. Tallini” di Penitro di Formia, in collaborazione con l’Associazione Azalea di Fondi Monte San Biagio, i suoi operatori e i suoi beneficiari e i Centri per il Volontariato del Lazio hanno deciso di realizzare delle videointerviste a Guea, Diomande e Kuate, all’interno del progetto Scuola e Volontariato. Tre ragazzi come loro, di poco più grandi, ma che hanno affrontato ostacoli e sofferenze difficili da superare anche per un adulto, insopportabili per dei ragazzi così giovani.

 

 

Il progetto didattico per la creazione del video è stato realizzato sotto la supervisione del docente Antonio Carollo, in collaborazione con l’associazione Azalea, che si occupa del primo inserimento sociale dei ragazzi migranti giunti in Italia dopo il lungo viaggio attraverso il Mediterraneo, e l’aiuto del suo operatore Samangara Fataou.

L’associazione Azalea fa parte del progetto Scuola e Volontariato, un programma rivolto alle associazioni per avvicinare e sensibilizzare al volontariato gli studenti delle scuole di vario ordine e grado, organizzato dai Centri per il Volontariato del Lazio CESV e SPES. Con il progetto Scuola e Volontariato, Azalea ha partecipato al progetto Erasmus Migranti, al quale hanno preso parte anche scuole turche, polacche, greche, francesi.

Viaggio attraverso il mediterraneoSono stati, così, organizzati incontri a scuola e presso l’associazione in cui i migranti hanno potuto condividere con i ragazzi i racconti del loro viaggio attraverso il Mediterraneo per arrivare in Italia, le motivazioni che li hanno costretti ad abbandonare i Paesi di origine, le aspettative, e le esperienze di vita in Italia.

Un racconto dolce amaro, che si conclude con un’ultima immagine di speranza: i ragazzi ospiti dell’associazione Azalea che, insieme, ballano e cantano al ritmo delle danze africane.
Un ritmo che nel loro viaggio attraverso il Mediterraneo hanno portato con sé, in Europa, alla ricerca di una vita migliore.
Un ritmo che i ragazzi della V B dell’Istituto “Fermi Filangieri” di Penitro di Formia porteranno per sempre nei loro cuori, insieme ai racconti, alle esperienze, alle emozioni di questo viaggio per mare in cui i ragazzi africani hanno perso gli amici, la famiglia, a volte anche la libertà, ma mai la speranza di meritare una vita migliore.

 

Se avete correzioni o suggerimenti da proporci, scrivete a  comunicazione@cesv.org

 

Print Friendly, PDF & Email
Micaela Mauro
Micaela Mauro

Appassionata di comunicazione digitale, cultura e sociale, consegue con lode la laurea magistrale in Informazione, Editoria e Giornalismo, specializzandosi con un master in Digital Communications Specialist presso L'Università Cattolica. Editor di Wikipedia, accresce le sue competenze come Digital e Social PR lavorando presso un'agenzia di ufficio stampa milanese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *