logo reti solidali
Home » AMI I LIBRI? DONA LA VOCE PER IL LIBRO PARLATO
libro parlato

AMI I LIBRI? DONA LA VOCE PER IL LIBRO PARLATO

AMI I LIBRI? DONA LA VOCE PER IL LIBRO PARLATO

Il Centro Nazionale del Libro Parlato è una delle tante attività per i non vedenti dell’UICI, che cerca volontari. Per questa e per altre esperienze

L’UICI, Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, quest’anno compie 100 anni, svolge tanti servizi e dal 1957 ha attivato il Centro Nazionale del Libro Parlato. «Nelle sedi di Roma, Firenze, Brescia, Lecce e Modena vengono realizzate opere mediante la lettura, da parte di speaker assistiti in sale di registrazione. Le nostre 107 sedi provinciali, invece, svolgono una funzione di distribuzione integrata, oggi, dal canale online del Centro per il libro parlato», spiega Mario Barbuto, presidente nazionale UICI.

Donare la voce per il libro parlato

La produzione delle opere in formato audio mp3 si articola su due “livelli”. Quello professionale, che prevede la lettura   dei   testi   effettuata   da   speaker   professionisti   in   sale   di   registrazione professionali e quello amatoriale, a opera dei numerosi volontari, “donatori di voce”, che registrano autonomamente i testi richiesti dagli iscritti. I testi vengono postprodotti e resi fruibili dal Centro di produzione nazionale Francesco Fratta di Roma. «Tutti possiamo diventare donatori di voce volontari, basta inviare via e-mail all’indirizzo volontarilp@uiciechi.it un provino di un minuto di registrazione in formato mp3, per valutare insieme eventuali criticità vocali e tecniche. Non bisogna avere requisiti particolari, per essere un “donatore di voce”, bastano un computer, un microfono, una buona dizione e tanta passione per la lettura», spiega Barbuto.

Il catalogo del Centro Nazionale del Libro Parlato può ormai vantare più di 56mila opere, che spaziano in ogni campo del sapere: dalla narrativa alle scienze, dalla storia alla filosofia. Tra i lettori del libro parlato, ci sono anche dei professionisti. «In passato, hanno donato la loro voce Susanna Agnelli, con la lettura di “Vestivamo alla   marinara”, Dacia Maraini, presente con molti libri in   catalogo, e più recentemente Giuseppe Lazzaro Danzuso, giornalista e scrittore, ha prestato il suo inconfondibile   accento  per   incidere il suo “Ritorno all’Amarina”. E poi, Marco Caponera, Tamara Viola e tanti altri».

Il Centro Nazionale del Libro Parlato si trova a Roma in via Borgognona 38. «Quando è nato, il libro parlato è stato fondamentale: non c’erano alternative in quel momento, non c’erano ebook e supporti digitali in generale. C’era soltanto la stampa in braille, con tutto l’impegno ed i tempi lunghi che comporta. Il libro parlato è nato per dare la possibilità ai non vedenti di poter leggere più facilmente testi di varia tipologia», dice Giuliano Frittelli, presidente della Sezione di Roma dell’UICI e vice Presidente Regionale.

 

A Roma una sede e tanti servizi

La Sezione di Roma dell’UICI si trova in zona Castro Pretorio, copre il territorio di Roma e provincia e si occupa di varie attività.

Il pranzo di Natale dell’IUCI di Roma

«Ad esempio, di segretariato sociale, di supporto, di intervento di carattere amministrativo, di assistenza ai soci per le varie problematiche con l’amministrazione comunale», dice Giovanni Frittelli. «Inoltre, svolge attività di rappresentanza a livello provinciale e interviene in tutte le questioni che riguardano le persone non vedenti e ipovedenti. Ad esempio, interveniamo con Atac per quanto concerne l’accessibilità dei mezzi, con il Comune per i servizi, con la Regione per il lavoro e la scuola».

Per i soci si organizzano tante attività, dai corsi di informatica e di musica (violino, sax) a vari laboratori, ad esempio di cucito e di trucco, ad attività sportive in collaborazione con altre associazioni. «L’attività più importante a Roma è l’accompagnamento, che esercitiamo in convenzione con il Comune di Roma. Cerchiamo di stare vicino alle famiglie: quando nasce un bambino non vedente o ipovedente, per le famiglie è molto difficile, si cerca di supportarle ed aiutarle il più possibile. Diamo molto sostegno anche a chi diventa da adulto non vedente o ipovedente» continua.

 

Tanti modi per aiutare

Le attività dunque sono tante, sono le risorse a scarseggiare. «Abbiamo sempre bisogno di volontari, chiunque voglia unirsi a noi è il benvenuto», dice Frittelli. «Viviamo in una società in cui il tempo è la cosa più preziosa, manca sempre, andiamo tutti di corsa. Chiunque riuscisse a dedicare anche una o due ore alla settimana a dare una mano agli altri, avrebbe un riscontro formativo e di crescita importante. Organizziamo eventi per coinvolgere i volontari e aspiranti tali, si può essere volontari in tanti modi nella nostra associazione: uscendo a fare una passeggiata insieme in un parco, andando in un museo, al cinema e a teatro, leggendo un testo.

A scuola di Arte Accessibile, con l’associazione Museum

Il progetto a cui stiamo lavorando è la riorganizzazione della nostra sala soci: sotto la nostra sede abbiamo un ufficio che andrebbe ristrutturato. L’obiettivo è realizzarla in modo tale che i non vedenti e ipovedenti di Roma possano usarla per stare insieme, fare dei corsi di cucina, attrezzarla per l’informatica. Lanceremo a breve una campagna di raccolta fondi, consiglio a tutti i lettori di seguirci sul sito e sulla nostra pagina Facebook UICI – sezione di Roma».

È in preparazione un convegno in occasione della Giornata dei Musei. “Stiamo cercando di diventare un punto di riferimento per i vari musei di Roma per stimolarli a una sana concorrenza, portiamo avanti iniziative per l’accessibilità culturale dei disabili, vogliamo che tutti i musei di Roma diventino accessibili al 100%”.

 

Per i 100 anni

In occasione del Centenario dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, il 21 febbraio partirà da Catania una Mostra itinerante, che si sposterà nei giorni successivi a Catanzaro, Potenza, Bari, Napoli, Pescara, Ancona, Perugia, Firenze, Bologna, Padova, Milano, con un Concerto al Teatro Alla Scala il 24 marzo, e si concluderà a Trieste il 27 marzo. Il 29 maggio, si terrà presso l’Auditorium Parco della Musica di Roma, il Concerto di Takayoshi Wanami. Il 3 luglio, in tutte le sezioni territoriali, si svolgerà la “Notte Viola”. Altre attività proseguiranno ancora fino al 27 ottobre (il 24 si aprirà, a Genova, il Congresso nazionale).

 

Se avete correzioni o suggerimenti da proporci, scrivete a comunicazionecsv@csvlazio.org

Print Friendly, PDF & Email
Ilaria Dioguardi
Avatar

Laureata in Scienze della Comunicazione, sono una giornalista pubblicista freelance, vivo a Roma. Ho avuto ed ho molte esperienze professionali nel giornalismo, nell’editoria, nel non profit. Le mie passioni: il mio lavoro, la lettura, il nuoto.

9 commenti su “AMI I LIBRI? DONA LA VOCE PER IL LIBRO PARLATO

  1. Buon giorno!
    la nostra è soltanto una rivista on line: diamo informazioni e le commentiamo. Vista la sua disponibilità, le conviene contattare direttamente l’associazione, o meglio direttamente il Centro nazionale del Libro parlato, mandando una mail a: lp@uiciechi.it
    Grazie per la sua disponibilità e per averci letto!

  2. Buon pomeriggio, mi chiamo Beatrice Mastrodonato e sono un’artista che vive a Roma. Con pregressi studi classici e di Accademia poi, diplomata in Pittura, mi piacerebbe rendermi utile in un’attività di volontariato culturale e sociale.

  3. Buona sera. CSV Lazio ha un progetto che si chiama Trovavolontariato e che ha proprio l’obiettivo di aiutare le persone che desiderano fare volontariato a trovare un’associazione adatta a loro. Le consiglio di scrivere una mail a trovavolontariato@csvlazio.org: vedrà che le risponderanno!

  4. Sono un’insegnante di scuola dell’INFANZIA appena andata in pensione.Naturalmente la mia passione sono i libri per bambini e per ragazzi.
    Volevo sapere se l’impegno con voi dev’essere continuativo nel tempo,con un numero di ore predisposte oppure si può leggere un testo, a seconda delle possibilità o delle vostre necessità.Grazie, Tiziana Capriotti

  5. Buon giorno, la nostra è solo una rivista: raccontiamo il volontariato, ma non siamo noi che gestiamo il progetto. La consigliamo di prendere contatto con il Centro Nazionale del Libro Parlato: all’interno dell’articolo, se clicca sulle parole arancioni, troverà i link dell’associazione nazionale e di quella romana. Altrimenti può scrivere a questo indirizzo email: lp@uiciechi.it

  6. Sono una scrittrice.
    Vorrei diventare lettrice di audiolibri volontaria. Mi piacerebbe anche registrare uno dei miei libri. Potreste inviarmi un consiglio su come procedere? Dove mando il mio audio?
    Grazie
    Grazie.

  7. Vorrei incontrare qualcuno per imparare a donare la mia voce; ho fatto teatro ed un corso di doppiaggio.
    grazie, aspetto buone notizie

  8. Buon giorno, la nostra è solo una rivista: raccontiamo il volontariato, ma non siamo noi che gestiamo il progetto. La consigliamo di prendere contatto con il Centro Nazionale del Libro Parlato: all’interno dell’articolo, se clicca sulle parole arancioni, troverà i link dell’associazione nazionale e di quella romana. Altrimenti può scrivere a questo indirizzo email: lp@uiciechi.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *