Newsletter Reti Solidali

Resta aggiornato, iscriviti alla nostra newsletter
Indirizzo Mail
logo reti solidali
Home » LO SPORT EDUCA. PURCHÈ LA COMPETIZIONE NON PRENDA IL SOPRAVVENTO
competizione

LO SPORT EDUCA. PURCHÈ LA COMPETIZIONE NON PRENDA IL SOPRAVVENTO

LO SPORT EDUCA. PURCHÈ LA COMPETIZIONE NON PRENDA IL SOPRAVVENTO

Lo sport, compreso il calcio, è un'agenzia educativa e deve mettere la centro la persona e le sue esigenze. Intervista con Marco Giustinelli

Chiunque abbia praticato sport di squadra sa bene che a giocare sono sempre i più forti. Un dogma per le società sportive professionistiche, speranzose di sfornare nuovi talenti. Ma cosa accade nelle associazioni sportive che hanno finalità sociali e magari si basano sul volontariato? Sui social network sono in tanti a inneggiare a partite dove a trionfare è il gioco più che il risultato. Eppure a nessuno piace uscire dal campo sconfitto.

Di competizione ed educazione abbiamo parlato con Marco Giustinelli, responsabile della comunicazione per il calcio a cinque del Comitato regionale Lazio Lega nazionale Dilettanti. Lo abbiamo intercettato durante una delle presentazioni del suo nuovo libro, Organizzare e comunicare. La scelta vincente nello sport, nel calcio e nella vita (Pioda ed. 2018). Giustinelli ha fondato insieme ad altri genitori un’associazione di calcio a cinque, l’Atletico Pavona – di cui è stato a lungo presidente e dirigente – che fin dalle origini ha dato la possibilità a bambini con diverse difficoltà di fare sport a costi vicinissimi allo zero.

competizione
Marco Giustinelli

Quale dovrebbe essere la finalità ultima di un’associazione di calcio sociale?
«Lo sport è un’agenzia educativa al pari di famiglia, scuola, oratorio. Quindi la finalità da perseguire rimane l’attenzione alla persona. È assolutamente necessario dare a tutti i bambini e ragazzi le stesse opportunità di scendere in campo e di divertirsi. Tanto che la scuola calcio federale non contempla classifiche. Credo che il problema non sia rappresentato tanto dai ragazzi, quanto da noi adulti che proiettiamo frustrazioni e aspettative sui nostri figli».

Perché un giocatore di talento dovrebbe accettare serenamente di essere sostituito per far posto a un coetaneo meno capace?
«Perché fa parte di una squadra. E in un gruppo il talento, se non viene messo al servizio del collettivo, rimane una sterile esibizione. Per arrivare a questo occorre un percorso di educazione al servizio. In questo l’allenatore ha un ruolo determinante: oltre a dover essere un tecnico preparato, deve ricoprire il ruolo di educatore e di testimone dei valori che lo sport deve rappresentare».

Ma che messaggio arriva a un giocatore non molto bravo? Che tutti hanno un’opportunità o che non importa l’impegno, tanto si gioca lo stesso?
«Poter giocare tutti non vuol dire dover giocare tutti comunque. Un bambino è un cantiere in costruzione e va condotto per mano da adulti responsabili. Tutto va meritato. Scendi in campo se ti sei allenato con assiduità, se ti sei impegnato al massimo, se hai rispettato i compagni e il tuo allenatore. I minuti in campo sono una conquista, non un regalo da un’istituzione buonista. Essere dotati è una componente indipendente dalla persona. Il sudore no. Va sempre premiato il sacrificio e gestito il talento».

 

competizione
Lo slogan dell’ultima stagione

Non è raro che i più bravi disertino gli allenamenti e le riserve invece siano più assidue. Cosa preferire, costanza o rendimento?
«Un allenatore che permette che nel suo gruppo passi il concetto che se sei più bravo puoi passare sopra le regole, dovrebbe cambiare immediatamente mestiere. Facendo così danneggia tutti. Sia i più bravi, perché non li aiuta a potenziare le loro doti e li limita nella fase di crescita e maturazione dal punto di vista umano e caratteriale. Atleti di livello come Cristiano Ronaldo, Dino Zoff o Miro Klose hanno sempre fatto della costanza e dell’applicazione le basi del proprio rendimento. Sia coloro che potrebbero avere delle chance solo attraverso l’impegno costante. La coerenza, anche se faticosa, è l’antidoto a tanti disastri e fallimenti».

Come spiegare a un padre o a una madre che il proprio figlio, in una determinata partita, non è stato all’altezza di entrare in campo?
«Condividendo sin dall’inizio la mission con atleti e famiglie. Se vengono evidenziati principi e valori alla base della nostra azione, il problema non dovrebbe sussistere. Senza contare che i numeri ci dicono che in Italia solo un calciatore su 40mila arriva al professionismo. Questo vuol dire che praticamente tutti i nostri ragazzi, anche i più bravi, potranno vivere il calcio solo come un meraviglioso hobby, non come competizione».

Se avete correzioni o suggerimenti da proporci, scrivete a comunicazione@cesv.org

Print Friendly, PDF & Email
Mirko Giustini

Laureato con lode in Lettere moderne ed Editoria e scrittura, si è sudato il tesserino da giornalista scrivendo per varie testate locali di Roma e dei Castelli romani. Lavora come analista televisivo presso la Geca Italia e scrive per Lazio sette (Avvenire).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *