logo reti solidali
Home » VIOLENZA DI GENERE AL TEMPO DEL COVID-19: IL LAZIO MAGLIA NERA
violenza di genere al tempo del COVID19

VIOLENZA DI GENERE AL TEMPO DEL COVID-19: IL LAZIO MAGLIA NERA

VIOLENZA DI GENERE AL TEMPO DEL COVID-19: IL LAZIO MAGLIA NERA

Lo certificano i dati Istat. In tutta italia le telefonate al numero verde per chiedere aiuto contro la violenza di genere sono aumentate

L’allerta era stato lanciato: le misure restrittive imposte dai Decreti per l’emergenza Coronavirus lasciano molte donne più esposte a violenze psicologiche, fisiche, a manie di controllo (ne abbiamo parlato qui).

L’ISTAT, nel recente documento “Violenza di genere al tempo del COVID-19: le chiamate al numero verde 1522”, conferma questa previsione: nel periodo dal 1° marzo al 16 aprile le telefonate al numero verde sono aumentate del 73%, rispetto allo stesso periodo del 2019. Parallelamente, sono diminuite le denunce per maltrattamento del 43,6%. Secondo l’istituto di ricerca, è possibile però che tale incremento sia attribuibile non necessariamente a maggiore violenza, ma piuttosto alle campagne di
sensibilizzazione che hanno fatto sentire le donne meno sole. Comunque hanno chiesto aiuto 2.013 donne: la maggior parte delle chiamate sono richieste di aiuto, ma si chiama anche per avere informazioni sul servizio 1522 o per manifestare altre forme di disagio, diverso dalla violenza.

La Regione Lazio può essere considerata bandiera nera del fenomeno: tra tutte infatti, il Lazio registra un passaggio dal 6,8 del 2019 al 12,4 ogni 100mila abitanti del 2020. Seguono la Toscana (dal 4,8 all’8,5), Piemonte, Liguria e Lombardia. Le vittime hanno chiamato di più di più anche dalla Sardegna e dall’Umbria.

Interessante anche l’orario in cui sono state effettuate effettuale le chiamate: nel 60,6% dei casi le sono arrivate tra le 9:00 e le 17:00; quelle durante la notte e la mattina presto, che di solito sono meno, sono aumentate e hanno raggiunto il 17,5% durante il lockdown. Ma nel fine settimane le telefonate calano.

Questi dati ci confermano che il contesto familiare, le mura domestiche, si rivelano ancora una volta il luogo della violenza all’interno del quale – non dimentichiamolo – spesso ci sono minori che assistono.

Il testo completo del documento ISTAT “Violenza di genere al tempo del COVID-19: le chiamate al numero verde 1522” si trova a questo link.

Se avete correzioni o suggerimenti da proporci, scrivete a comunicazione@csvlazio.org

Print Friendly, PDF & Email
Giuliana Cresce
Giuliana Cresce

Giuliana Cresce - Project planning and management per SPES Centro di Servizio per il Volontariato del Lazio - Project Manager "Marry When You Are Ready"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *