logo reti solidali
Home » YOUDONNA, L’ASSOCIAZIONE PER LE DONNE IN MENOPAUSA
Donne in menopausa

YOUDONNA, L’ASSOCIAZIONE PER LE DONNE IN MENOPAUSA

YOUDONNA, L’ASSOCIAZIONE PER LE DONNE IN MENOPAUSA

lo slogan è "Libertà e non limitazione, condivisione e non riservatezza, serenità e non paura, gioia e non tristezza"

Un’associazione per le donne in menopausa? «Sì, è un’età critica, un periodo difficile da attraversare per molte e non tutte possono permettersi un aiuto. Il volontariato ha molte sfaccettature e sono tante le persone che hanno bisogno di aiuto, non solo economico». È determinata e sicura, Michela Perotta, donna di scienze e di comunicazione, ideatrice e presidente dell’associazione Youdonna, che si pone proprio l’obiettivo di accompagnare e aiutare le donne ad affrontare la menopausa senza vergogna e senza tabù: «In Italia, oltre 13 milioni di donne sono in menopausa. È un argomento  che viene totalmente ignorato, affrontato timidamente o sottovalutato».

Perché tutta questa timidezza intorno a questo argomento che fa parte della natura femminile?

«Alla donna del Terzo millennio viene chiesto moltissimo a livello affettivo, lavorativo e sociale. Spesso le donne diventano madri a 40 anni, a 50 sono all’apice della carriera, con una vita attiva e piena di impegni e quando arriva la menopausa entrano in gioco dei fattori che cambiano le carte in tavola:  le vampate di calore diurne e le sudorazioni notturne, il ciclo salta. Niente di drammatico, proprio perché naturale, e la menopausa non deve essere considerata una malattia, però queste sintomatologie possono, in alcuni casi, generare patologie anche importanti. Per questa ragione chiedere consigli ai professionisti del settore, come i ginecologi, è sempre la cosa migliore da farsi».

L’aiuto dell’associazione in cosa consiste?

«Il mio lavoro nella comunicazione mi ha portata a conoscere molti medici, specialisti e psicologici. Ho pensato, quindi, di creare questa associazione per aiutare le persone in un momento delicato, dando la possibilità di incontrare specialisti a cui porre domande, ma anche di informarsi attraverso interviste che il sito dell’associazione (questo è il link) mette disposizione e che possono servire a risolvere tante problematiche. E non solo: sul sito ci sono anche articoli scientifici, scritti da medici specializzati in varie patologie, che spiegheranno, con un linguaggio chiaro e comprensibile, quali sono i problemi e quali sono le possibili soluzioni. A chi, come e quando farvi riferimento. E poi anche articoli di medicina estetica, di alimentazione appropriata, di attività fisica, di moda, sul tempo libero. A breve metteremo anche dei video con consigli sull’alimentazione: ci troveremo a tavola con medici che ci daranno consigli utili e qualche curiosità. Su YouDonna ci sono tutte le risposte alle necessità nel “periodo” di menopausa. Prima dell’emergenza sanitaria facevamo parecchi incontri in giro per l’Italia e la partecipazione era sempre entusiastica. La quota associativa è simbolica, ma l’aiuto che diamo è concreto: le donne possono anche inviare le loro domande ed entro breve tempo avranno una risposta. Le parole che devono accompagnare la menopausa sono “Libertà e non limitazione, condivisione e non riservatezza, serenità e non paura, gioia e non tristezza”».

A chi vi rivolgete?

«A tutte le donne senza distinzione e cerchiamo di aiutarle a prendersi cura di sé per mantenersi in salute e preservare le energie. Condividere con altre donne questo periodo non facile di cambiamento è di grande aiuto».

 

Se avete correzioni o suggerimenti da proporci, scrivete a comunicazionecsv@csvlazio.org

 

Print Friendly, PDF & Email
Paola Fabi
Paola Fabi

Paola Fabi, classe 1965. Giornalista. Mamma di figli e di gatti

2 commenti su “YOUDONNA, L’ASSOCIAZIONE PER LE DONNE IN MENOPAUSA

  1. Classica operazione confezionata a fini di raccolta pubblicitaria. Non un’idea originale, solita manfrina da sessismo benevolo sulla menopausa come età che si può affrontare con serenità manco fosse un tumore.
    Tutto medicalizzato, intervistati quasi solo i maschi, insomma roba inutile a cui infatti non ci si può nemmeno iscrivere.

  2. E’ una questione di punti di vista, in Italia non si parla mai di menopausa sembra un tabù, all’estero invece è argomento sensibile. Quindi ben vengano tutte le iniziative a sostegno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *