logo reti solidali
Home » CORONAVIRUS, UN’OCCASIONE PERSA PER LA LOTTA ALL’AZZARDO

CORONAVIRUS, UN’OCCASIONE PERSA PER LA LOTTA ALL’AZZARDO

CORONAVIRUS, UN’OCCASIONE PERSA PER LA LOTTA ALL’AZZARDO

Nel lockdown molti hanno continuato a giocare, a volte più di prima. E la riapertura della possibilità di giocare nelle tabaccherie è stata contestata dalle associazioni

Ristoranti, parrucchieri e centri estetici ancora non avevano riaperto, ma il gioco d’azzardo sì. Il 30 marzo l’Agenzia delle dogane e dei monopoli aveva deciso di vietare la maggior parte dei giochi (eccetto i gratta e vinci) e delle scommesse nelle tabaccherie, perché provocavano piccoli assembramenti. Ma il 23 aprile una nuova determina ha nuovamente permesso, dal 27 aprile, i giochi precedentemente vietati, suscitando ampie  e preoccupate reazioni in tutto il mondo non profit impegnato nella lotta all’azzardo. Per fortuna, è stata poi nuovamente vietata la riaccensione delle slot machine e la raccolta di scommesse sportive, prevista per l’11 maggio.

Chi si stupisce della ripresa graduata di 10&Lotto, WinForLife, Lotto, SuperStar, SiVinceTutto SuperEnalotto, Eurojackpot, Millionday Winforlife e Winforlife Vincicasa, non tiene conto della portata della crisi economica causata dal Coronavirus. Gli aiuti promessi dal governo a famiglie e imprese ammontano a decine di miliardi di euro e il ricorso a Lottomatica, filiale italiana del gruppo International Game Technology, potrebbe fruttare circa 10 miliardi di euro di entrate. È lecito però chiedersi, cosa pensano le tante associazioni che nel Lazio lottano ogni giorno contro l’epidemia delle ludopatie e fare il punto su cosa è successo nel periodo della “chiusura”.

L’illusione della vittoria

«Il Lazio è la seconda regione in Italia dopo la Lombardia e prima della Campania per esposizione al gioco d’azzardo», ha affermato lo psicoterapeuta Roberto Calia del progetto Orthos, che è fra i promotori della campagna “Mettiamoci in gioco“. «Per le persone che già avevano intrapreso un percorso riabilitativo la quarantena è stato uno spartiacque, grazie al quale hanno ritrovato uno stile di vita più sano. Altre invece si sono spostate sul gioco online, che ad oggi riesce ad attrarre quasi la metà dei giocatori compulsivi. In alcuni casi la lontananza dalle macchinette ha esacerbato situazioni già gravi. Chi è dipendente dall’azzardo è convinto che la fortuna sia come una madre che premia la costanza del figlio e continua a rischiare i propri risparmi: non potendo perdere, si rilancia all’infinito. Persino quando si vince si continua imperterriti, cercando di cavalcare una fantomatica onda positiva, quando si potrebbe pagare qualche debito».

La quarantena e le imprese

«Continuo a sperare in un lockdown del gioco d’azzardo», ha detto il responsabile scientifico del progetto SOS Azzardo Guglielmo Masci. «La notizia che queste aziende abbiano perso tra il 30 e il 40% degli introiti per via della quarantena non può che rallegrarci. Nel primo trimestre le slot e il Lotto ad esempio hanno bruciato il 50% delle entrate. È chiaro: senza l’offerta la domanda cala, a beneficio dei nostri assistiti,c he hanno potuto godere di un periodo di riflessione. Il nostro ragionamento resta sempre lo stesso: se le aziende vogliono salvare la filiera, convertano la produzione e tornino a fare business in un altro settore. Perché non utilizzare dei fondi europei per riqualificare i 150mila lavoratori del comparto? Non dimentichiamo che l’azzardo è un affare, non una strada più facile per diventare ricchi».

Un fenomeno da analizzare

«Parlare di “ludopatie” è sbagliato: non è una malattia del gioco, ma causata dall’azzardo», così il sociologo Claudio Cippitelli della Cooperativa Sociale Parsec. «Non ci sono ancora dati certi su quanto e come abbia influito la serrata generale sui nostri pazienti. Sicuramente la versione online è stata appannaggio delle fasce di popolazione più giovani e più attrezzate. Non potendo uscire di casa, il controllo da parte dei familiari è stato maggiore e in molti casi ha disincentivato le scommesse. Quando tutto questo sarà finito, occorrerà effettuare un’indagine su come le persone abbiano vissuto questo periodo di distaccamento sociale e per capire se le piattaforme telematiche sono state un surrogato delle videolottey e se l’assenza dal gioco abbia spinto verso altre forme di dipendenza».

lotta all'azzardo
Il logo della campagna “Mettiamoci in gioco”

 

 

Il numero verde

Chi ha bisogno di aiuto può rivolgersi al Telefono Verde Nazionale per le problematiche legate al Gioco d’Azzardo (800.55.88.22) dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS). Anonimo e gratuito, il servizio è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 16. In due mesi di quarantena l’ISS ha rilevato che la durata media delle telefonate è aumentata da 15 a 40 minuti. I contenuti delle chiamate dimostrano che la serrata generale ha fatto emergere un impulso dirompente al gioco, problematiche economiche legate all’azzardo e le difficoltà di condividere la malattia con la propria famiglia.

In conclusione, la chiusura dei giochi è durata abbastanza a lungo da permettere lo sviluppo di fasi diverse e consecutive del problema. L’improvvisa astinenza ha portato a iniziali crisi, che in qualche caso si sono evolute in presa di coscienza e superamento della dipendenza, in altri no: il virus ha sorpreso gli affetti da ludopatia in diversi momenti del loro percorso di recupero, causando effetti diversi.

 

Se avete correzioni o suggerimenti da proporci, scrivete a comunicazionecsv@csvlazio.org

Sulla lotta all’azzardo leggi anche: AZZARDOPATIA: LA FORTUNA È CIECA, LA MATEMATICA NO

Print Friendly, PDF & Email
Mirko Giustini
Avatar

Laureato con lode in Lettere moderne ed Editoria e scrittura, si è sudato il tesserino da giornalista scrivendo per varie testate locali di Roma e dei Castelli romani. Lavora come analista televisivo presso la Geca Italia e scrive per Lazio sette (Avvenire).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *