logo reti solidali
Home » ECOLOGIA DEI MEDIA. PERCHÈ ABBIAMO BISOGNO DI UNA COMUNICAZIONE “GENTILE”
ecologia dei media

ECOLOGIA DEI MEDIA. PERCHÈ ABBIAMO BISOGNO DI UNA COMUNICAZIONE “GENTILE”

ECOLOGIA DEI MEDIA. PERCHÈ ABBIAMO BISOGNO DI UNA COMUNICAZIONE “GENTILE”

Nel suo ultimo libro, Fausto Colombo analizza l'ambiente mediale e propone un modo di comunicare che aiuti le relazioni e la conoscenza del mondo

«Aggressione e menzogna sono due facce dello stesso tradimento: quello della natura profondamente umana dello scambio comunicativo». Senza comunicazione non c’è società, eppure ogni giorno sperimentiamo la difficoltà – a volte l’impossibilità – di comunicare. E i nuovi media non fanno che aumentare questa sensazione, inondando le nostre giornate di messaggi di odio, fake news, propaganda.

Perché una ecologia dei media

E non è solo una sensazione: il contesto mediatico oggi ci illude di essere padroni degli strumenti della comunicazione. Il riferimento è in particolare ai social network, ma non solo: pensiamo al gusto di scegliere  ciò che vogliamo vedere la sera, grazie all’on demand, Un gusto, però, illusorio, in quanto la nostra scelta è fortemente condizionata dall’offerta che ci è arrivata grazie ai dati che lasciamo ogni volta che ci colleghiamo a internet e che permettono alle aziende della comunicazione di stabilire quali sono i nostri gusti e quindi di farci un’offerta “mirata”. Il che restringe il nostro campo di scelta – pur lasciandoci l’illusione che sia ampio – e contribuisce a chiuderci in quelle bolle-filtro che dominano i social, nelle troviamo chi la pensa come noi e non ci confrontiamo mai con chi la pensa diversamente.

L’ambiente mediale è fortemente inquinato ed è quindi necessaria un’ecologia dei media. Lo spiega Fausto Colombo, uno dei più noti sociologi della comunicazione, in un suo recente libro: “Ecologia dei Media. Manifesto per una comunicazione gentile” (Vita e Pensiero, 2020). In esso descrive l’ambiente dei media oggi, con le sue principali dinamiche, i suoi disequilibri, i modi in cui influenzano la vita di ciascuno di noi. E da questa descrizione esce evidente la necessità di “prendersi cura” di questo ambiente, mettendo in atto strategie e comportamenti che possano ridimensionare gli aspetti pericolosi, per dare spazio a quelli positivi per la nostra vita sociale.

E questo impegno ecologico non spetta solo alle grande aziende della comunicazione o ai comunicatori professionisti: è una scelta che ogni cittadino può e deve compiere, quando prende la parola o comunque compie azioni comunicative.

I cosiddetti media della quarta ondata, in particolare le piattaforme, pervadono le nostre vite in ogni aspetto: sono strumenti di svago, ma anche di lavoro, di informazione e di disinformazione, di condivisione e di odio… Servono per controllare i figli quando escono da soli, per organizzare manifestazioni, fare propaganda elettorale, creare eventi culturali, far nascere reti di persone e gruppi, fare pubblicità, bullizzare i soggetti deboli…

Facilmente scalabili da movimenti politici o ideologici, che per questo mettono in campo risorse economiche e umane, chiedono a ogni cittadino di scegliere da che parte stare: se dalla parte della comunicazione “buona”, costruttiva, dialogante o dalla parte della comunicazione “cattiva”: quella, appunto, dell’hate speech, delle fake news, della propaganda.

La comunicazione “buona”

Il problema si pone da tempo, e – ricorda Colombo –  ha interpellato studiosi come Lakoff, che ha individuato alcune “regole della cortesia”; Grice, che ha messo a punto i principi ci una comunicazione “cooperante”; Habermas, che ha insinuato la distinzione tra comunicazione “buona” e comunicazione “cattiva” e così via. Ma ha interpellato anche i comunicatori stessi e la società civile, che hanno cercato di definire una netiquette della comunicazione cui ispirarsi per un uso corretto di parole, espressioni e atteggiamenti comunicativi e hanno messo in campo progetti come “Parole O_stili“.

Posto che «le sfide maggiori per la comunicazione continuano a riguardare l’onestà di dire il vero e il rispetto dovuto all’altro», Colombo rilancia l’idea di una comunicazione gentile, che migliori le relazioni tra le persone e la conoscenza del mondo. Il termine “gentile”, specifica Colombo,  «rimanda non solo ai modi cortesi, ma più a fondo all’appartenenza a una gens, una famiglia, e quindi – per un’estensione che vorrei concedermi – alla stirpe di tutti, a quella comunità di destino che è l’umanità intera».

SI può fare? Certamente sì, a livello individuale, ma anche a livello di gruppo. Ad esempio, ci sta provando il movimento delle Sardine, che ha riscoperto la rilevanza della presenza fisica, contrapposta a quella virtuale online; il valore della testimonianza come approccio alla politica e il «rifiuto della retorica aggressiva e dell’utilizzo delle fake news o dell’enfasi propagandistica», che invece continua a caratterizzare la comunicazione di Salvini e della Lega.

_________________________________________________

ecologia dei mediaFausto Colombo
“Ecologia dei Media. Manifesto per una comunicazione gentile”
Vita e Pensiero 2020
pp. 113, € 13,00

 

 

 

 

Se avete correzioni o suggerimenti da proporci, scrivete a comunicazione@csvlazio.org

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *