logo reti solidali
Home » LATINA. SI POSSONO FARE GRANDI COSE QUANDO CI SI METTE IN RETE
festa delle reti

LATINA. SI POSSONO FARE GRANDI COSE QUANDO CI SI METTE IN RETE

LATINA. SI POSSONO FARE GRANDI COSE QUANDO CI SI METTE IN RETE

Promozione del territorio, spazi condivisi, solidarietà: a Latina si progetta e si lavora insieme. E domani continua a Borgo Grappa la Festa delle Reti

Il 27 luglio ci sarà l’eclissi di luna più lunga del secolo, un appuntamento atteso con intensa trepidazione dagli astrofili di tutta Italia. Il Lago dei Monaci, all’interno del parco nazionale del Circeo, farà da cornice ad uno dei numerosi eventi che si stanno organizzando per quella data. Quello che si svolgerà presso il Lago dei Monaci è promosso dalla Pro Loco di Borgo Grappa e il ricavato della serata andrà a finanziare parte dei lavori di ristrutturazione di quella che per tutti è diventata la Stazione del Sole, la ex rustico Casa Cantoniera.

 

festa delle reti
L’ex rustico Casa Cantoniera di Borgo Grappa. Foto Agenzia del Demanio

Il rustico è importante per le associazioni di volontariato del territorio, poiché recentemente (lo scorso marzo) l’Agenzia del Demanio ha consegnato le chiavi dello stabile alla Pro Loco di Borgo Grappa, che se lo è aggiudicata grazie alla presentazione del progetto  Stazione del sole: dalla collina al mare. Al progetto aderiscono dieci organizzazioni di volontariato e una ciclofficina, unite alla Rete solidale ciclopista del sole, le quali animeranno per i prossimi 9 anni lo spazio recuperato, attraverso un attività di promozione e valorizzazione del territorio inteso come risorsa naturale, culturale e enogastronomica.

L’ex rustico è situato in un punto strategico per i viaggiatori camminanti e i ciclisti di tutto il mondo, esso infatti si trova sulla via della ciclopista europea denominata Eurovelo7. Questa strada, che inizia in Norvegia e termina a Malta, è lunga più di 7400 km e attraversa l’Europa da nord a sud; il progetto Stazione del sole: dalle colline al mare rappresenta dunque un nuovo modello di sviluppo del territorio che favorisce il turismo lento ed è connotato da attività a carattere sociale e solidale.  L’edificio si trova nel bel mezzo del parco naturale del Circeo, tra i suoi laghi, le sue colline e ad un chilometro dal mare; un posto prezioso finalmente recuperato e rimesso a disposizione della collettività.

 

LA FESTA DELLE RETI CONTINUA. L’ex casa cantoniera di Borgo Grappa sarà anche la sede del prossimo incontro, che si terrà domani, 20 luglio, e che ospiterà le reti del territorio per proseguire il discorso iniziato qualche settimana fa in occasione della Festa delle reti di Borgo Sabotino. Le associazioni, l’amministrazione e i cittadini stanno lavorando insieme col fine di creare spazi comuni  e condivisi fruibili dall’intera comunità. Ma il lavoro delle associazioni e delle reti diventa incisivo solo quando queste ultime si coordinano e lavorano in sinergia.
La necessità di mettere in comunicazione le varie associazioni che lavorano in rete è un’esigenza sempre più impellente: spesso accade che associazioni residenti nel medesimo territorio e attive nello stesso campo non interagiscano tra loro.

 

Un momento di confronto durante la Festa delle reti di Borgo Sabotino

L’appuntamento del 30 giugno, in occasione dell’inaugurazione di un’altra casa cantoniera, quella di Borgo Sabotino, aveva proprio questo come obiettivo, «unire le forze negli obiettivi comuni», spiega Simona d’Alessio, coordinatrice del laboratorio Teu di Latina.
«È stata organizzata questa Festa delle reti per favorire uno scambio tra le associazioni a 360 gradi: per sostenere le attività e le azioni presenti nel territorio in maniera tale da convogliare tutte le energie su dei punti che verranno individuati come comuni e come meritevoli d’investimento per la valorizzazione del nostro territorio.»
L’assessorato alla partecipazione del Comune di Latina, oltre a promuovere l’iniziativa del 30 giugno, ha avuto un ruolo fondamentale anche nella conclusione dei lavori di ristrutturazione dell’edificio sito a Borgo Sabotino. La struttura, con i suoi 5mila metri quadrati diventerà un punto di riferimento per la comunità. L’amministrazione comunale ha infatti deciso di creare qui un centro civico polivalente, con un presidio fisso della Polizia urbana e gli spazi restanti destinati alle associazioni del territorio che si aggiudicheranno il bando. Il dialogo tra le associazioni risulta, per tale motivo, di vitale importanza per far sì che la struttura possa essere messa realmente al servizio della collettività. Le reti sono già a lavoro per presentare una proposta all’amministrazione, che sia declinata a bambini e anziani passando per le persone con disabilità e in condizione di fragilità per una città a misura di tutti.

 

LE RETI COINVOLTE. La rete scuole migranti. Le associazioni di tutto il Lazio che aderiscono a questa rete insegnano gratuitamente italiano a bambini, ragazzi e adulti stranieri e svolgono attività gratuite per l’integrazione linguistica e sociale dei migranti, per il dialogo tra culture e per il pieno esercizio della cittadinanza.

La Rete solidale della Ciclopista del sole è formata dalle associazioni locali e lavora per favorire la conoscenza, la valorizzazione e la promozione del territorio pontino e delle eccellenze locali, nonché promuovere il turismo lento e la mobilità dolce lungo la Ciclovia del Sole.

La Rete di giustizia – il sociale contro le mafie persegue l’obiettivo della giustizia sociale con particolare attenzione alla lotta alle mafie nel senso più ampio del termine.

Il progetto Territorio Europa ha lo scopo di aiutare le organizzazioni di volontariato e il Terzo Settore ad affrontare costruttivamente la nuova programmazione europea 2014 – 2020, superando le difficoltà che impediscono loro di accedere alle opportunità e alle risorse. Il Laboratorio Teu di Latina si propone, quindi, di promuovere la cultura e la pratica della programmazione e della progettazione partecipata

La rete Vialibera si occupa di accessibilità non solo declinata al superamento delle barriere architettoniche, ma a quello più ampio degli ostacoli culturali e socio ambientali.

La rete Tutti a scuola si occupa di contrasto alla povertà educativa minorile.

La Rete 2023 nasce dal basso per valorizzare e promuovere la cultura nella città di Latina e il suo territorio. Fanno parte di questa rete: associazioni e imprese, enti e istituzioni, operatori culturali e singoli cittadini.

Se avete correzioni o suggerimenti da proporci, scrivete a comunicazione@cesv.org

Print Friendly, PDF & Email
Lucia Aversano
Lucia Aversano

Giornalista free lance, si occupa di sociale da quando, a vent’anni, ha fatto il servizio civile.

Un commento su “LATINA. SI POSSONO FARE GRANDI COSE QUANDO CI SI METTE IN RETE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *