Newsletter Reti Solidali

Resta aggiornato, iscriviti alla nostra newsletter
Indirizzo Mail
logo reti solidali
Home » MARTA4KIDS & CHRIS: UN ANNO A PIEDI CONTRO LA FIBROSI CISTICA
Marta4kids

MARTA4KIDS & CHRIS: UN ANNO A PIEDI CONTRO LA FIBROSI CISTICA

MARTA4KIDS & CHRIS: UN ANNO A PIEDI CONTRO LA FIBROSI CISTICA

Travel blogger per beneficenza: dalla scomparsa della compagna all’associazione Marta4kids

È Capodanno e i tg aprono sulla morte in ospedale di alcune pazienti incinte. Una di loro è Marta, scomparsa il 29 dicembre 2015 con in grembo Leonardo. Il suo compagno, Christian Cappello, travel blogger come lei, oggi annuncia che sta per partire per un viaggio di beneficenza attraverso l’Italia. Un anno, a piedi. L’obiettivo? Raccogliere fondi per la ricerca sulla fibrosi cistica e far vedere le bellezze più nascoste del nostro Paese. Con Marta4kids.

Marta4kids
Foto www.blogdiviaggi.com

Ha la voce chiara e sicura, Chris, questo il nickname che Christian usa sul sito, mentre al telefono parla a RetiSolidali.it del suo progetto: «Gettarmi nello sconforto? Qualche volta, ma non ci casco fino in fondo. Non ha senso. Ed è sempre bello trovare un senso nelle cose». Il viaggio di beneficenza lungo l’Italia contro la fibrosi cistica (ne soffre la nipotina di Chris) è un progetto che aveva messo su proprio insieme a Marta, un paio di anni fa. Da Londra erano tornati in Italia, poi la notizia che erano “incinti” e quindi l’idea di rinviare quest’avventura fino ai 2-3 anni del piccolo Leonardo. «Lei diceva: guarda, tu vai a fare questo viaggio di beneficenza e io vengo a trovarti col bimbo», racconta Chris. Poi, il 30 dicembre, Chris si trova a lanciare questo tweet: «Sono @blogdiviaggi_ il compagno della vita di Marta. Ieri lei ed il mio Leonardo sono volati in cielo, hanno fatto l’ultimo viaggio».

Marta4kids: un sorriso non ha prezzo

Ma per Chris il viaggio continua: 324 giorni attraverso 17 regioni, per un totale di 3973 chilometri. Partenza da Bassano del Grappa, in provincia di Vicenza, programmata proprio nel giorno in cui era prevista la nascita di suo figlio, il 2 aprile. Chris, che a Luglio sarà in Lazio, non sarà solo. Già oggi i primi mesi di viaggio sono pianificati, con persone che si uniranno a lui per qualche tappa, che lo aiuteranno a raccogliere i fondi, che lo ospiteranno o che mangeranno con lui. «Non pensavo neanche io di avere una reazione così dalla gente, sono molto solidali», ammette.

marta4kids
Foto www.blogdiviaggi.com

Food blogger, travel blogger e musicisti si sono già attivati per organizzare una serie di eventi di beneficienza da Nord a Sud: cene, mostre, concerti. Il calendario è aperto ad ogni contributo. «Visiterò i 21 centri specialistici d’Italia che trattano la fibrosi cistica», aggiunge Chris, che oltre a fare sensibilizzazione e raccogliere fondi vuole «far vedere le bellezze d’Italia che non sono conosciute». «Basta che punti il dito su una mappa, vai lì e c’è sempre qualcosa di bello da vedere», fa notare.
Presto saranno comunicati anche gli estremi del conto dell’associazione Marta4kids, dove contribuire con le donazioni. «I fondi andranno agli istituti di ricerca», spiega Chris, «ma se durante il viaggio trovassi qualche persona in difficoltà, davvero meritevole e che ne avesse veramente bisogno, allora potrei aiutare anche loro».
Questo è il viaggio che sente di fare adesso. «Farmi un viaggio in Australia», confessa, «non mi darebbe la stessa cosa: un sorriso di una persona alla quale tu potresti fare del bene, solo portare un sorriso, non ha prezzo secondo me». E anche Marta la pensava così: «Con la mia compagna non ci siamo mai fatti regali, ma erano tutte donazioni. Non siamo mai stati attaccati alle cose materiali».
In questi mesi molti si sono messi in contatto con Chris. «Ci sono tante persone che veramente mi fanno felice, che mi scrivono che grazie a me hanno ritrovato la forza per andare avanti. Perché so che non sono il solo che sta passando questi momenti», racconta. E conclude: «Fare del bene fa star bene sia te che gli altri. La speranza, oltre ad essere l’ultima a morire, è quella che porta avanti ogni ideale. E posso dire “ideale” come “sogni”: i sogni sono sempre gli ultimi a morire». Per informazioni sul progetto e su come contribuire: www.blogdiviaggi.com

Immagine di copertina: www.blogdiviaggi.com

Print Friendly, PDF & Email
Claudia Farallo
Claudia Farallo

Giornalista professionista, blogger, amante dei viaggi, del cibo e della buona compagnia. Da sempre impegnata nel sociale‎, in costante ricerca di buon senso e sistemi di sviluppo sostenibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *