logo reti solidali
Home » QUANTO VALE IL TUO SITO? OGGI CALCOLARLO È FACILE

QUANTO VALE IL TUO SITO? OGGI CALCOLARLO È FACILE

QUANTO VALE IL TUO SITO? OGGI CALCOLARLO È FACILE

On line si trovano strumenti che valutano automaticamente. E che possono interessare anche a chi non deve vendere, ma fare girare idee

Il valore di un sito dipende da una lunga serie di fattori, certamente il numero di visitatori è il parametro più importante, ma non è certamente l’unico. Ad esempio, andrebbe preso in considerazione se il nostro visitatore rimane a lungo a gironzolare fra le pagine: questo vuol dire che legge i nostri contenuti, che curiosa fra le notizie e che, probabilmente, trova interessante quello che c’è scritto. Altri parametri sono il numero degli iscritti, i follower, i “mi piace” lasciati un po’ qua e un po’ la e via dicendo. Importante è anche se il nostro sito è un aggregatore di altre notizie o se produce notizie originali, se ha brevetti o tecnologia proprietaria.
Prosaicamente però ci interessa sapere, a naso, se un sito ha un valore economico e se ci sia un qualche rapporto con le risorse che sono spese per la sua gestione.
Qui le cose si fanno interessanti. Usando un sito apposito (ce ne sono moltissimi, ad esempio www.valoresito.it/  oppure www.siteprice.org/ ) per capire le opache cifre che i siti danno sul numero delle visite che ricevono, scopriamo cose note a tutti: Facebook e Google valgono miliardi di dollari, hanno milioni di visitatori e sono ai primi posti sui motori di ricerca.
Qualche sorpresa arriva invece con siti considerati più robusti, per esempio la Fiat: vale poco più di 40mila euro, battuto da quello della Camera dei Deputati, che vale quasi 47mila euro, ma superiore al sito del Senato, battuto a circa 36mila euro.
Spostandoci in politica troviamo che il sito del Pd vale 17.863 euro, quello della Lega Nord appena 5.723 e Forza Italia 9.089 euro, un po’ pochino per macchine elettorali di quelle dimensioni.
I grossi media stanno molto meglio: “Repubblica” vale 5,23 milioni, “Corriere della sera” 3,95 milioni, “La Stampa” viaggia vicino a 840mila euro.
Uno sguardo alla tv pubblica, quella per cui si paga il canone, dice che Rai.it vale 658.831 euro. In totale, tutto compreso, per Mediaset occorre sborsare, invece, 2,38 milioni, quasi quattro volte di più.
La sinistra, quella della partecipazione, ci dice che il sito della Cgil vale 16.476 euro, Radio popolare 6.242: si risolleva con il Manifesto: ben 41.428 di valore in euro, più del sito del Senato e della Fiat.
Potete continuare voi stessi, anche per rendervi personalmente conto di come stanno le cose e scoprire cose interessanti, come novelli Indiana Jones del web: siti sui quali vengono spesi valanghe di soldi, spesso pubblici, che mettono insieme risultati a dir poco risibili e siti dove invece si ottengono risultati più che dignitosi con veramente poco denaro.
A proposito, Controlacrisi vale 6.344 euro, più di quello della Lega nord.

(La fotografia in questa pagina è di Acse, Associazione Comboniana Servizio Migranti e profughi)

Print Friendly, PDF & Email
Massimo Sculli
Massimo Sculli

Tuttologo. Indefesso volontario del Cesv e di altre associazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *